Una trasferta lunga una vita

Passioni sportive e storie militanti di un ultras eretico


PIÙ MILITANTI – MENO BENPENSANTI!

Ogni maledetta domenica. Per tutta la vita. Che si tratti di affrontare i prati calcati dalle stelle della massima serie o di cimentarsi con la polvere dei più sperduti campi di provincia non fa alcuna differenza. La passione è identica e, soprattutto, i valori sono gli stessi. Almeno per chi, malgrado tutto – e contro tutto (contro il calcio moderno, in primo luogo) – continua a essere, sentirsi e anche definirsi ultras. Questa è la storia che l’autore consegna alle pagine rigorosamente autobiografiche di Una trasferta lunga una vita. Per parlare dello sport vissuto in prima persona nella curva del Catanzaro e negli stadi di tutta Italia. Ma anche del calcio giocato con cucita addosso la maglia delle giovanili della squadra del cuore e, come se non bastasse, del pugilato, praticato in una pioneristica palestra popolare come quella in cui ha preso vita la Boxe Roma San Lorenzo. A questo, e a molte cose ancora, è dedicata la realtà del libro di Mariano Aloisio. Scritto a sinistra di qualunque luogo comune. Con il cuore in mano, il coltello tra i denti e la bandiera di un gruppo ultras – i Volti Noti – orgogliosamente puntata contro il cielo.

12.00 11.40

Scheda Bibliografica

Autore Mariano Aloisio
Pagine 88
Formato 13×20/brossurato con bandelle/illustrato con fotografie a colori
Collana Hellnation Libri
ISBN 9788867182596

RASSEGNA STAMPA

 

Bigliocalcio.com su "Una trasferta lunga una vita"

Giovanni Fasani, “Una trasferta lunga una vita”, Bibliocalcio.com, 17 agosto 2020

CONTENUTI EXTRA

 

“Una trasferta lunga una vita”, in anteprima il capitolo che dà il titolo al libro di Mariano Aloisio su Sportpopolare.it