Operazione Ogro


Come e perché abbiamo ucciso Carrero Blanco

Il 20 dicembre del 1973, a Madrid, una detonazione di eccezionale potenza scagliava nel cielo della capitale l’auto sulla quale viaggiava l’ammiraglio Luis Carrero Blanco detto «l’Orco», presidente del Governo fascista spagnolo e delfino del dittatore Francisco Franco.

L’attentato, rivendicato da ETA, segna un passaggio fondamentale nella storia della principale organizzazione militare della sinistra indipendentista basca e, in Spagna, contribuì a disarticolare il destino della dittatura franchista, facilitando il faticoso percorso di transizione verso l’agognata (ma mai sostanziale) democrazia.

Testo memorabile, a lungo oggetto di censura e persecuzione, Operazione Ogro racconta la complessa organizzazione dell’attentato a Carrero Blanco dal punto di vista dei suoi protagonisti: militanti di ETA, vale a dire semplici esponenti della classe operaia basca decisi a dimostrare come neppure il più potente degli uomini possa dirsi invulnerabile né, il più autoritario dei regimi, designato dalla storia a durare per sempre. Un’opera fondamentale per ripercorrere le tappe che consentirono il conseguimento di un simile obbiettivo, ma anche per ristabilire, con passione civile e letteraria, verità storiche a lungo mistificate.

Gillo Pontecorvo trasse da questo libro il soggetto del suo ultimo film: Ogro, con Gian Maria Volonté, uscito nelle sale italiane nel 1979.

A cura di Marco Laurenzano

Categoria:

6.99

Scheda Bibliografica

Autore Eva Forest
Pagine 240
Formato E-book
Collana Tutte le strade
ISBN 9788867180240