Fabio Fantazzini

DREAD INNA INGLAN

Identità, musica e lotte politiche della controcultura Black British (1948-1981)

 

 

Tra la metà degli anni Settanta e i primissimi anni Ottanta, il Regno Unito viene attraversato da un fermento che, raccogliendo il ribellismo della gioventù afrodiscendente nata o cresciuta nei ghetti della regina, riusciva a rinnovare il patrimonio culturale e musicale caraibico sollecitando la necessità di nuove mobilitazioni politiche. Nasce così la controcultura Black British: un fenomeno di rara potenza di cui Dread Inna Inglan rappresenta uno dei pochi tentavi di rigorosa ricostruzione storica. Prendendo le mosse dalle origini del potere nero in Gran Bretagna, Fantazzini dà voce alle prime generazioni – raccontate dal calypso – per spingersi nel cuore del mondo Black British, dove a pulsare sono le sonorità reggae e in cui, a concretizzarsi in pratiche di resistenza antirazzista mentre il conflitto tra comunità nera e istituzioni tocca il suo apice, sono i sound system e la dub poetry. Parole, quelle che finiscono nell’arsenale Black British, in grado di «volare come una farfalla e pungere come un’ape». Colonna sonora destinata a travalicare i confini della sua genesi per imporsi ovunque come inno di liberazione collettiva.

24.00 22.80

Scheda Bibliografica

 

Autore Fabio Fantazzini
Pagine 232
Formato cm 15 x 22 – brossurato con bandelle
Collana Hellnation Libri
ISBN 9788867182756

Prefazione di Flavio Frezza

CONTENUTI EXTRA

 

Fabio Fantazzini presenta “Dread Inna Inglan” con Cristiano Armati (Roma, 17 luglio 2021)

 

“It Dread Inna Inglan” di Linton Kwesi Johnson, la canzone-manifesto che ha ispirato il titolo del libro di Fabio Fantazzini

RASSEGNA STAMPA

 

Antonio Bacciocchi, “Black England, sogno e riscatto”, il manifesto, 11 settembre 2021

 

 


Per Goodmorning Genova, la video-recensione di Antonio Bacciocchi a “Dread Inna Inglan”

 

Tony Face, “Strepitoso saggio sulla cultura black british”, Tonyface.blogspot.com, 26 luglio 2021